Ravioli rosa alla barbabietola ripieni di patate e speck

ravioli

Tempo fa su Alice.tv ho scoperto che è possibile usare la barbabietola anche per colorare la pasta all’uovo e stenderla in tutti i modi, così da avere ravioli, tortellini, tagliatelle e pappardelle rosa!

Che fantastica idea, quasi quasi ci proviamo!

Ingredienti

  • Farina 500g
  • Uova 3
  • Barbabietole lesse 2
  • Sale 1/2 cucchiaio
  • Olio d’oliva 2 cucchiai

Procedimento

Il procedimento è praticamente lo stesso della pasta fresca, l’unica cosa che cambia è la dose delle uova. Normalmente si dovrebbe aggiungere un uovo ogni 100g di farina, ma in questo caso la barbabietola darà sia colore che umidità, quindi saranno necessarie solamente 3 uova.

Formare la solita fontana di farina e ad un angolo mettere il sale.
Al centro versare la barbabietola frullata con il proprio liquido e cominciare a mescolare.
Ogni qual volta che l’impasto vi sembrerà troppo duro aggiungete un uovo e approfittatene per versare anche l’olio.
Non preoccupatevi se non saranno necessarie tutte e tre le uova, vuol dire che la vostra barbabietola sarà più acquosa di quelle che ho utilizzato io.

Formate un panetto e lasciatelo riposare in frigo per circa mezz’ora avvolto nella pellicola da cucina.

Nel frattempo preparate il ripieno cominciando a lessare quattro patate di media grandezza.
Spellatele, schiacciate con l’aggiunta di un goccio di latte e aggiungete sale, pepe e noce moscata.
Quando saranno fredde, tagliuzzate delle fette di speck al loro interno e mescolate.
Questa sarà la farcitura per i vostri ravioli.

Stendete la pasta molto sottile (purtroppo io ho dovuto farlo a mano, ed è stata un’enorme fatica) e cominciate a coppare della misura che più vi aggrada.

Posate una pallina di ripieno al centro del raviolo e, inzuppando un dito in un bicchier d’acqua, inumidite i bordi del raviolo.
Poggiate poi il cerchio superiore e schiacciate intorno al ripieno prima di sigillare, così da far fuoriuscire l’aria formatasi all’interno.

Ecco i vostri ravioli rosa! Ora basterà cuocerli e condirli a piacimento oppure congelarli e consumarli in un’altra occasione.

The following two tabs change content below.
Ciao! Mi chiamo Francesca, ma voi potete anche chiamarmi Zia. Mi piace cucinare, mangiare ed essere sempre con le mani in pasta. Adoro i rustici, le pizze e la pasta fatta in casa, ma in generale qualsiasi cosa che, quando la mordi, ti fa sentire felice.

Ultimi post di Chiamatemi zia (vedi tutti)

Lascia un commento