Pizza di kamut

kamut

Dopo l’articolo introduttivo al kamut, voglio farvi vedere come preparare una pizza con un impasto alternativo e sicuramente molto saporita.
Si tratta di un impasto preparato con la farina di kamut | khorasan che si trova comodamente al supermercato al modico prezzo di circa 3,50€ ogni 500g.

Dato che amo le pizze in ogni loro forma, ho deciso di rimboccarmi le maniche e di mettermi al lavoro per plasmare una pizza nuova e mai assaggiata prima: la pizza di kamut.

La ricetta è la classica, ma ve la riporto per ragioni di completezza.

Ingredienti

Farina di kamut 500g
Lievito di birra 7/8g
Sale 1 cucchiaio
Zucchero o miele 1 cucchiaino
Acqua 200g (c.a.)

Procedimento

  • In una ciotola versate un cucchiaio di sale fino e copritelo con la farina di kamut.
    Come sapete, il sale non deve essere a contatto diretto con il lievito, quindi lo “seppelliamo” sotto la farina.
  • In un bicchierino, sciogliete il lievito nell’acqua tiepida (non bollente, mi raccomando!) con un cucchiaino di zucchero o di miele.
    Gli zuccheri attiveranno la lievitazione, ma senza dare sapore al vostro impasto.
  • Versate l’acqua al centro della ciotola e cominciate a mescolare con una forchetta o con la punta delle dita.
    Continuate così finché tutta l’acqua non sarà assorbita dalla farina.
  • Otterrete una palla abbastanza omogenea, ma non ancora liscia.
    Quindi trasferitela su un piano infarinato e continuate a impastarla con l’aiuto dei palmi delle mani.
    Il movimento è più o meno questo. Dovete schiacciare la pasta con i palmi e ripiegarla su se stessa.
    Continuate finché non si sarà formata la maglia glutinica, e quindi non sarà ben elastica e perfettamente liscia.
  • Mettete la pasta in una ciotola infarinata e lasciatela crescere in un posto protetto dagli sbalzi di temperatura (io la metto sempre nel microonde, facendo attenzione che nessuno lo azioni  :mrgreen: )
  • Dopo circa due ore, sarà più o meno raddoppiata.
    kamut
  • Ora la pasta è pronta per l’utilizzo, ma tenete conto del fatto che una volta manipolata e stesa, va fatta riposare almeno per un’altra ora per riattivare la lievitazione.
  • Io ho pensato di farci una pizza, quindi ho oleato una teglia tonda e ho schiacciato l’impasto con la punta delle dita fino a stenderlo per tutta la superficie.
  • L’ho rimessa in forno spento e ho aspettato un’altra ora prima di condirla e cuocerla.
  • 220°, pomodoro, basilico, olio buono e sale e subito l’ho infornata nel livello più basso del forno.
    Quando la base si è colorata bene, ho sfornato la pizza e ci ho messo la mozzarella.
  • L’ho rinfornata alzando la griglia di molto, per farla colorare sulla superficie.
    Sono bastati 5 minuti ulteriori e una fogliolina di basilico fresco, per ottenere una pizza da far invidia a qualsiasi rosticceria (non dico pizzeria altrimenti mi linciano).

The following two tabs change content below.
Ciao! Mi chiamo Francesca, ma voi potete anche chiamarmi Zia. Mi piace cucinare, mangiare ed essere sempre con le mani in pasta. Adoro i rustici, le pizze e la pasta fatta in casa, ma in generale qualsiasi cosa che, quando la mordi, ti fa sentire felice.

Ultimi post di Chiamatemi zia (vedi tutti)

Lascia un commento