Melanzane sott’olio

melanzane

Se avete mai fatto un viaggio in Campania, sicuramente sarete tornati a casa con un barattolo di melanzane sott’olio.
Questo barattolino (che alle volte ha le dimensioni di un bambino) accompagna pranzi e cene di tutte le famiglie italiane.
Non possono mancare nei vassoi degli antipasti le melanzane, i peperoni e tutto ciò che si può mettere sott’olio.

Se siete davvero amatori, sicuramente avrete visto le melanzane baby, anche chiamate mulignanielli.
Sono le ultime melanzane spuntate, quelle di fine stagione.
Un’ottimo modo per cucinarle, è farle sott’olio.

Il procedimento è abbastanza lungo, ma niente di complesso. Vediamo come si fanno!

Procedimento

Per prima cosa procuratevi delle mini melanzane, se è possibile della stessa misura.
Privatele del gambo e di tutte le impurità sulla buccia.
Lavatele bene e, con molta attenzione, a partire dal lato piatto (che avete appena tagliato) incidete sulla lunghezza della melanzana un taglio a croce, fino ad arrivare a metà dell’intera lunghezza.

In una pentola capiente fate bollire metà acqua e metà aceto ed una manciata di sale grosso.

Alcuni al posto dell’acqua mettono il vino, perché si dice non faccia annerire le baby melanzane.
Fatele sbollentare per circa 3 minuti (meno se la loro grandezza è minore) e passatele subito sotto l’acqua fredda per bloccare la cottura.
Stendete un panno di cotone bianco e disponetevi, dopo averle strizzate, una ad una le melanzane.
Arrotolate lo straccio e lasciatelo lì ad assorbire tutti i liquidi per almeno 24 ore.

Quando sarà passato un giorno e le melanzane saranno ben asciutte, si può procedere a condirle.

Preparate tanti pezzetti d’aglio e di peperoncino.
Inseritene uno ciascuno in profondità nel taglio della melanzana.
Sistemate le melanzane condite in un barattolo e condite con olio e origano.
Continuate così fino a riempire il barattolo e concludete con l’olio che dovrà coprire tutte le melanzane baby.

Le diverse scuole di pensiero si combattono su quanto bisogna lasciarle riposare.
Alcuni le lasciano un mese, altri di più.
In pratica sta al vostro gusto: lasciando loro ovviamente il tempo per assorbire tutti i sapori, potete gustarle quando più vi piacciono.
Più le lascerete e più saranno saporite.

The following two tabs change content below.
Ciao! Mi chiamo Francesca, ma voi potete anche chiamarmi Zia. Mi piace cucinare, mangiare ed essere sempre con le mani in pasta. Adoro i rustici, le pizze e la pasta fatta in casa, ma in generale qualsiasi cosa che, quando la mordi, ti fa sentire felice.

Ultimi post di Chiamatemi zia (vedi tutti)

Lascia un commento