Taralli pepe e sugna

taralli

In casa mia, in qualunque periodo dell’anno, nella dispensa non può mancare una busta di taralli. Sono come il pane e ne compriamo di tutti i tipi.
I miei preferiti in assoluto, però, sono quelli napoletani, i taralli pepe e sugna.
E’ facilissimo prepararli in casa secondo i propri gusti, così potete trovare la ricetta che più vi si addice modificando le quantità di sugna, pepe, sale e mandorle e conservare la ricetta dei VOSTRI taralli.

Ingredienti per 18 taralli

  • Farina 500g
  • Acqua 120g
  • Strutto 180g
  • Mandorle tostate con la buccia 150g
  • Lievito di birra 10g
  • Zucchero un cucchiaino
  • Zale 20g
  • Pepe un cucchiaino pieno
  • Semi di finocchietto (se gradite)

Procedimento

Lievitino: Mescolare 100g della farina totale con 80ml dell’acqua totale e unire il lievito e lo zucchero.
Lasciar crescere questo composto per almeno 40minuti.

Unire a questo impasto la farina restante, il sale, il pepe, la sugna e le mandorle tostate.
Potete tritare queste ultime in modo da unirle all’impasto in modo più omogeneo, ma a me piacciono intere.

Impastate il tutto e lasciatelo riposare due ore in un luogo dalla temperatura mite.
Riprendete l’impasto e formate delle pagnottelle di circa 50g grammi ciascuna.
Da ognuna ricavate due cilindri molto lunghi e intrecciateli tra loro chiudendoli a ciambella.

Potete poggiare delle mandorle intere per decorazione tra una piega e l’altra.

Infornate in forno ventilato già caldo a 180° per 40 minuti, finché non si saranno bruniti e ben secchi.

Conservazione: conservateli in una busta per alimenti, meglio se ben sigillata. Oppure in un contenitore di latta, quelli dei biscotti per intenderci.

Se cercate la ricetta dei taralli con le mandorle a forma di treccine, potete trovarla qui

The following two tabs change content below.
Ciao! Mi chiamo Francesca, ma voi potete anche chiamarmi Zia. Mi piace cucinare, mangiare ed essere sempre con le mani in pasta. Adoro i rustici, le pizze e la pasta fatta in casa, ma in generale qualsiasi cosa che, quando la mordi, ti fa sentire felice.

Ultimi post di Chiamatemi zia (vedi tutti)

Lascia un commento