Guanti

Guanti

Da buona assaggiatrice ieri sono andata alla Sagra degli Antichi Sapori in quel di Pignataro (CE) organizzata dall’associazione ONLUS “Unipopoli“.

Il menù era vasto e spaziava dalle classicissime pettole e fagioli alla salsiccia, dagli arrosticini alla pizza e dalle crepes ai guanti.

C’è una sezione della mia famiglia che frequenta le sagre solo per comprare questo buonissimo dolce simile alle chiacchiere, ma di dimensioni sovrannaturali.

I guanti sono dei dolci lievitati e fritti, la cui pasta è molto soffice, che vengono “impanati” nello zucchero e serviti caldi, anzi, caldissimi.

Lo so che non è una mia ricetta, ma per il bene della diffusione io vi riporto la ricetta originale che veniva distribuita (ai richiedenti) su un volantino.

Ingredienti

Uova 10

Zucchero 1 bicchiere

Olio

Procedimento

In una casseruola mischiare uova, zucchero, olio, e limoncello.

Far sciogliere il lievito in un po’ di latte e aggiungerlo al resto.

Ottenere un impasto morbido e lasciare lievitare per circa 80 minuti.

Stendere la pasta con il matterello ricavandone una sfoglia non molto sottile.

Con una particolare rotella a denti larghi, tagliare la pasta a forma di listarelle lunghe 20 cm e larghe 5.

Piegare a metà in larghezza le listarelle e chiuderle in una corona.

Pigiare bene i bordi altrimenti in frittura si apriranno.

Calarle una alla volta nell’olio bollente e con le stecche di legno girarle su se stesse fino a ottenere una cottura omogenea.

Appena i guanti sono dorati tirarli fuori dall’olio e passarli nello zucchero frullato.

~ ~ ~ ~ ~ ~

Non ce la facevo a tenere per me questa bellissima informazione, ma scusatemi se non ho le foto del procedimento.

In compenso ho queste foto bellissime fatte a delle signore molto impegnate nella realizzazione di questo fantastico dolce.

10439642_10201302469002068_72910210_nguanto caleno

The following two tabs change content below.
Ciao! Mi chiamo Francesca, ma voi potete anche chiamarmi Zia. Mi piace cucinare, mangiare ed essere sempre con le mani in pasta. Adoro i rustici, le pizze e la pasta fatta in casa, ma in generale qualsiasi cosa che, quando la mordi, ti fa sentire felice.

Ultimi post di Chiamatemi zia (vedi tutti)

Lascia un commento