Brutti ma buoni

brutti ma buoni

Brutti, neanche tanto, ma buoni.
Sono di quei dolcetti che una volta mangiato uno, devi per forza mangiarne altri sedici per saziare la tua fame.

Oggi in casa mia c’è un profumo che se entri ad occhi chiusi in casa pensi di essere ad una festa di paese. Mia madre si è data alla pazza gioia e, dopo aver tirato fuori il librone delle ricette di famiglia, ha cominciato a creare questi dolcissimi agglomerati di nocciole e zucchero, che escono fuori da tutti i canoni di bellezza, ma che rientrano a pieni voti in tutti quelli di bontà.

Adesso mi è venuta fame e devo per forza mangiarne un altro.
Non ci si può fermare ad uno solo, infatti io ve li propongo anche come regalo: riempite una scatola carina con un foglio di carta colorata e tanti brutti ma buoni.
Chi riceverà il regalo, non potrà fare a meno di abbracciarvi… con una mano… mentre con l’altra mangia brutti ma buoni in quantità!

Ingredienti

Nocciole 150g

Albumi 60g (circa 3 uova)

Zucchero a velo 130g

Vaniglia

Procedimento

Tritare le nocciole grossolanamente.
Montare gli albumi con lo zucchero e la vaniglia
Versare in una pentola antiaderente e unire le nocciole.
Cuocere a fuoco basso per 20/30 minuti e mescolare con un cucchiaio di legno finché il composto non si stacca dalle pareti del pentolino.

Spegnere il fuoco e far riposare per 10 minuti mescolando di tanto in tanto.

Formare dei mucchietti

e infornare in forno caldo a 160° per circa 25 minuti.
(Assaggiatene uno per assicurarvi che all’interno non sia ancora troppo umido).

Far raffreddare e mangiarne almeno 15 a testa. 😀

The following two tabs change content below.
Ciao! Mi chiamo Francesca, ma voi potete anche chiamarmi Zia. Mi piace cucinare, mangiare ed essere sempre con le mani in pasta. Adoro i rustici, le pizze e la pasta fatta in casa, ma in generale qualsiasi cosa che, quando la mordi, ti fa sentire felice.

Ultimi post di Chiamatemi zia (vedi tutti)

Lascia un commento